venerdì 20 gennaio 2017

FACCIAMO SQUADRA | Aiutiamo lo sport insieme

HAI NOSTRI ASSOCIATI E A TUTTE LE ASSOCIAZIONE DEL TERRITORIO
...è l’iniziativa dedicata alle associazioni dilettantistiche che permetterà di ottenere gratuitamente nuove attrezzature sportive
Facciamo Squadra è un’iniziativa promossa da IPER MONTEBELLO S.p.A. in tutti i Punti Vendita Iper che espongono il materiale promo-pubblicitario, ed è rivolta alle Associazioni Sportive Dilettantistiche e alle Società Sportive Dilettantistiche senza fini di lucro, in possesso di Codice Fiscale in corso di validità. I clienti, dal 12/01/2017 al 2/04/2017, per ogni spesa di almeno 20€ e multipli (scontrino unico), con Carta Vantaggi riceveranno direttamente in cassa una cartolina, con due tagliandi: il primo tagliando, il più piccolo, contiene un Codice Gioco che il Cliente può utilizzare per partecipare al Concorso pubblicato sul sito www.iper.it. Il secondo tagliando, con stampato un Codice EAN del valore di 1 punto ciascuno, il Cliente lo può consegnare ad un’Associazione Sportiva preferita che potrà collezionarli, caricandoli sul proprio conto virtuale, per richiedere uno dei fantastici premi del Catalogo dedicato. Registrati entro il 21 Aprile 2017 e Per raccogliere più punti possibili, fai conoscere e diffondi l’iniziativa tra i tuoi soci, amici e simpatizzanti per fare in modo che ti consegnino i tagliandi con il codice EAN univoco. Per Caricare i punti, accedi alla tua Area personale di questo sito o in alternativa, caricali mediante la APP Facciamosquadra disponibile per il download su Google Play, Apple Store e Windows Store. I premi del Catalogo possono essere richiesti entro e non oltre il 31/05/2017.

Iper - Facciamo Squadra - Intervista a Jury Chechi -> https://www.youtube.com/watch?v=o3bjYEL3bek

mercoledì 11 gennaio 2017

News Hip Hop | Tutto pronto per la prossima edizione del Milano Hip Hop Festival

La nostra #arena come sempre è pronta ad esplodere... adesso, MASSIMA CONDIVISIONE !!!
Ci vediamo il 19 febbraio

mercoledì 4 gennaio 2017

News da Roshelle..., staytuned!| Anymals 🎥 #whatudotome


CORSI DANZA st. 2016/17 Lodi & Massalengo | Si riparte il 9 GENNAIO 2017

Corsi bisettimanali, settima di prova gratuita per tutti i corsi

BABY DANCE propedeutica classica - easy dance - baby modern jazz - baby hip hop
CONTEMPORANEA | MODERN JAZZ | HIP HOP principianti - intermedio - avanzato
ZUMBA fitness-step | LATINO AMERICANO salsa - bachata
BALLO LISCIO/SALA | KIZOMBA in collaborazione con Special Dance

Sedi operative: a Lodi - palestra BeFit | a Massalengo - Auditorium Comunale
++ info:
info@moderndance.it - www.moderndance.it
...rimani aggiornatissimo, scarica l'app Modern Dance da Google play e App Store
...seguici su MDNEWS: http://moderndancenews.blogspot.it/

martedì 3 gennaio 2017

Danza Lodi | Emanuela Montanari di Casale prima “étoile” di Rai 1

Era una lodigiana, Emanuela Montanari di Casale, la stella del balletto al concerto di Capodanno di Rai 1«Un balletto impegnativo da un punto di vista tecnico ma incredibilmente emozionante sia per la ripresa televisiva diretta che per l’ambientazione suggestiva nelle sale espositive della Biennale di Venezia». È il commento soddisfatto rilasciato in un’intervista al Cittadino in edicola oggi, martedì 3 gennaio, dalla casalese Emanuela Montanari, ballerina solista del Teatro alla Scala di Milano, che con Antonino Sutera, ha danzato domenica su Rai 1 durante il Concerto di Capodanno da Venezia.

domenica 25 dicembre 2016

Danza, luci ed effetti speciali : a New York torna la magia natalizia delle Rockettes

Dal 1932 'Christmas Spectacular' è lo show live più visto d’America con oltre di milioni di spettatori. Protagonista l'ensemble di fila più grande del mondo che dà vita ad uno spettacolo a 360 gradi ricco di colpi di scena
Ogni anno dal 1932 un miracolo si ripete a New York, ma non è quello sulla 34ma strada. E' lo show degli show, che apre i battenti in corrispondenza del periodo natalizio e resta in cartellone da novembre a gennaio con cinque spettacoli al giorno, sette giorni a settimana. Christmas Spectacular è l’appuntamento più tradizionale della stagione con biglietti tra 40 e 350 dollari (a seconda dell’orario, della data e della poltrona), impossibili da rimediare ai botteghini last minute in Manhattan e Brooklyn. Si tratta dello spettacolo dal vivo più visto del paese con oltre due milioni di spettatori a stagione. Sono le Rockettes, storico corpo di ballo e istituzione newyorkese, a ripetere anno dopo anno la magia dell’evento, nella cornice del celebre Radio City Music Hall, al numero 1260 della Sesta Strada, nell’area del Rockefeller Centre.

Coreografie spettacolari. È un’esperienza a 360° gradi. L’audience viene ipnotizzata dai giochi ottici, abbagliata dalla sgargianza dei costumi, trascinata dal ritmo della musica, coinvolta nell’azione direttamente nella platea. Le scenografie sono incredibili macchine che girano, si trasformano, levitano, compaiono e spariscono dal nulla, grazie all’ausilio delle più moderne tecnologie e di video mapping sull’intero soffitto del teatro, struttura che dispone di circa seimila posti a sedere. Nello show, pieno di colpi di scena, il racconto si riduce ad espediente narrativo per dare continuità alla storia. Lo spettatore viene tramortito dalle sorprese per l’intera durata della performance: mentre i costumi dei ballerini s’illuminano di migliaia di led wireless che vanno a tempo di musica e disegnano con il movimento geometrie astratte, sul palcoscenico cade pioggia vera, neve, gli ombrelli sbocciano come fiori, i costumi sembrano magici e appaiono diversi a seconda della prospettiva. Dalle volte del teatro possono piovere stelle, può discendere, leggero, un mare d’impalpabili lucciole volanti o cadere una valanga di dollari coniati per l’occasione dal Radio City Music Hall. È uno spettacolo per famiglie, uno spettacolo per tutti, che accende la fantasia e fa regredire all’età dello stupore.

La storia delle Rockettes. Questa compagnia di danza di precisione, fondata nel 1925 a St. Louis dal coreografo Russel Markert, è celebre per la routine degli slanci all’unisono all’altezza degli occhi alla fine di ogni performance. Le Rockettes sono l’ensemble di fila più grande del mondo con 36 ballerine. Delle vere e proprie atlete, preparate in danza moderna, classica e tip tap, capaci di fondersi in un unico corpo legandosi l’una all’altra tramite un abbraccio. Ogni anno in aprile si ripetono le audizioni. Tra le 500 aspiranti ballerine, le migliori del paese, la competizione è sfrenata. Nessuno della compagnia viene confermato automaticamente e in totale ne vengono scritturate ottanta, in modo da poter garantire le sostituzioni in caso di emergenza. Lo spettacolo richiede prove pesantissime che durano alcuni mesi e la sua realizzazione è estremamente dispendiosa.

Il fondatore. Russel Markert è stato per il teatro di fila quello che Busby Berkeley fu per il cinema degli anni 30, entrambi con un background nelle forze dell’esercito, preparavano i soldati per le parate e le marce. Markert ebbe l’idea di fondare questo gruppo dopo aver visto le Tiller Girl esibirsi durante una delle Follie di Ziegfeld. Era il 1922. Applicò così le tecniche per sincronizzare enormi insiemi di persone, sviluppate durante la carriera militare, su graziose, agili, energiche ballerine, che seguì personalmente fino al 1971.

Curiosità. Per rispettare gli standard le Rockettes devono avere un’altezza compresa circa tra 1,68 m e 1,78, con le ragazze più alte posizionate nel centro a decrescere verso l’esterno in modo da creare l’illusione ottica di omogeneità. Le ballerine hanno microfoni wireless camuffati tra i costumi per amplificare il suono del tip tap. Sono professioniste nei cambi di costume, avendo a disposizione solo 78 secondi. Il Radio City Music Hall ha brevettato un sistema mobile per tenere gli armadi organizzati durante i cambi scena con 250 ceste che si aprono e mantengono i capi fino al passaggio successivo. Nel Christmas Spectacular due numeri sono rimasti sostanzialmente intatti dal loro esordio di ottantacinque anni fa: il primo, e più famoso, è la Parata dei soldatini, coreografata da Markert e coi costumi di Vincente Minnelli, l’altro è il Presepe vivente. Per il primo le ragazze invece di usare fard fissano sulle gote dei cerchietti rossi. Ne consumano circa 15.000 durante l’intera stagione.

La struttura. Il Radio City Music Hall è conosciuto anche col soprannome di Showplace of the Nation e dal 1978 è stato riconosciuto uno dei luoghi simbolo della città. È stato disegnato dall’architetto Edward Durell Stone e dall’arredatore Donald Deskey in pieno stile Art Decò e ad oggi ha mantenuto quasi completamente l’aspetto iniziale. Gli spazi incorporano vetro, cromo, alluminio, pelle e parati. Il proscenio è unito alla platea da una serie di archi illuminati che sembrano un tramonto, mentre le aree attigue hanno ancora le loro decorazioni originali come la Fantasmagoria del teatro di Louis Bouche sulla parete della sala grande e il murale di Ezra Winter nella hall, intitolato Fontana della giovinezza. Anche toilette e lounge per le signore, che hanno subito vari restauri, sono ancora quelle dell’epoca.

+ info -> http://www.repubblica.it/spettacoli/teatro-danza/2016/12/24/news/coreografie_spettacolari_a_new_york_la_tradizione_natalizia_delle_rockettes-154587327/?ref=HRERO-1